SALUTE

TUTELARE E PROMUOVERE L’EDUCAZIONE UNIVERSALE ALLA SALUTE E ALLA SICUREZZA

 

In una società in progressivo invecchiamento, con una popolazione anziana in costante aumento e una crescente disuguaglianza socio-economica, la CRI mira a promuovere regole di buona salute e garantire l’assistenza sanitaria per prevenire e limitare i rischi delle persone e delle comunità. Sarà possibile raggiungere questo obiettivo mettendo a disposizione delle persone le conoscenze e gli strumenti necessari, affinché possano proteggere la loro vita e quella degli altri in piena autonomia.

Uniremo il nostro impegno a quello dei settori pubblico e privato per migliorare le condizioni di salute pubblica, a conferma del ruolo della CRI quale fornitore di servizi sanitari destinati ai gruppi più deboli della popolazione e quale ponte naturale tra gli operatori sanitari e le comunità.

Avendo come obiettivo il benessere e le necessità particolari di uomini, donne, ragazzi e ragazze, bambini e bambine, le attività della CRI incoraggeranno l’adozione di abitudini e comportamenti sociali che miglioreranno le loro condizioni di salute. Queste azioni contribuiranno inoltre a prevenire e a gestire le future nuove minacce per la salute e a poter affrontare pericoli imprevedibili, quali potenziali pandemie e malattie infettive.

La promozione dell’educazione universale alla salute e alla sicurezza richiederà nuovi modelli formativi, completi e trasversali che contribuiranno a diffondere la cultura della prevenzione, a fornire un’assistenza sanitaria di base, servizi sociali e corsi di primo soccorso per tutte le fasce di età e di genere, avviando un percorso per la creazione di comunità più sane e sicure.

Entro il 2030, la CRI si prefigge di estendere la portata e la sostenibilità delle sue attività di promozione della salute, individuando i metodi più efficaci per raggiungere un numero sempre crescente di persone. La CRI adotterà le misure necessarie per essere un ente formativo autorizzato a svolgere corsi e a rilasciare certificati riconosciuti a livello nazionale. Si utilizzeranno piattaforme online e applicazioni mobili per ampliare il bacino di attività di formazione tradizionali.

“Fabio Pizzolato – Consigliere delegato Salute”
“Giulia Zarantonello – Delegato Tecnico Vicario Salute”